IL TURISMO DEL FUTURO È A DUE RUOTE!

Ago 30

Le piste ciclabili sono divenute sinonimo di avanguardia ed eccellenza nel mercato turistico di ogni località che le possiede. L’ultimo decennio e, in particolar modo, anche la stagione estiva ancora in corso, hanno dimostrato le gigantesche potenzialità del mercato ciclo-turistico. Il vantaggio immediato, portato da questo settore per la Val di Fassa, è l’incremento delle utenze nel periodo estivo e nei periodi di minor affluenza.

Ciò premesso, l’infrastruttura di cui dispone la nostra valle si rivela sempre più inadeguata: la ciclabile infatti è incompleta nel tratto di Campitello, ed è palesemente sottodimensionata per riuscire a raccogliere il grande numero di utenti che la percorrono.

L’impianto della ciclabile fassana non è soltanto inadeguato al sempre più crescente numero di fruitori, ma si contraddistingue anche per la sua pericolosità, data dalla promiscuità tra pedoni e ciclisti. Per questo, là ove possibile, è necessario allargarla, creando un’opportuna divisoria tra ciclisti e pedoni. La ciclabile necessita poi di infrastrutture di completamento, vale a dire, zone relax provviste di fontane, panchine, aree picnic, punti di ristoro e punti di assistenza per le biciclette. 

Attualmente, la ciclabile non può dirsi una struttura vera e propria, ragionata e pensata per le esigenze dell’ospite, ma si tratta poco più che di una semplice lingua di asfalto che attraversa i paesi di Fassa.

Nonostante siano passati ben cinque anni dall’approvazione del Piano Stralcio della mobilità della Val di Fassa (ratificato nel gennaio 2015), la ciclabile nel tratto di Campitello risulta tuttora incompiuta. L’ultimo tratto di ciclabile ad essere inaugurato è stato quello che raggiunge Mazzin di Fassa, nel giugno del 2014. Da allora, l’inerzia dell’amministrazione uscente del Comun General de Fascia e le ostruzioni create da privati hanno impedito il completamento della pista. 

A tal riguardo, essendo le piste ciclabili primariamente di competenza provinciale, ci si aspettava che il Comun General de Fascia, ente di natura sovra-comunale, assumesse il ruolo di coordinatore e mediatore con i diretti interessati.

La ciclabile racchiude in sé enormi potenziali da valorizzare. L’idea di realizzare un itinerario percorribile dai piedi della Marmolada fino alla Valle dell’Adige e al Lago di Caldaro può rappresentare un volano turistico di enormi proporzioni, per la bellezza, la salubrità dell’aria e la sicurezza offerta dal tracciato, tale da renderlo una struttura di riferimento unica nel suo genere. Ciò deve essere reso possibile, considerando anche che è prossima la realizzazione del tratto di ciclabile che collegherà Molina di Fiemme a San Lugano.

Per queste ragioni la Neva UAL ritiene che sia essenziale portare a compimento, al più presto, la ciclabile di Fassa.

Neva UAL

Lascia un Commento:

(4) comments

Floriano 30 Agosto 2020

L’è n gran pez che die e scrive le valive robes
Sche Neva Ual metelo tal vos program de governo da la val se e spere che venciasade
Dise chiar che che volassade far
Se volede che la jent ve vote.
Autramenter la jent votara’ chi che la conta più longia.
Se Iori candidati de associazion fassa did De aer n canal preferenziale con Fugatti e la legage vel responet Co che la lega è Fugatti no fas I enteresses de noscia val e dal Trentino e che El nos rapprsetant a Trent Guglielmo, nsin adesso l’ha demo’suda’la cariega.
La jent la è stufa agra de teorie
la vel saer chel che volede portar a ciasa ti prossimi 5 egn par la val de fassa en con de sanità, turismo, viabilità, occupazione par i joegn lauree e diplome, par la jent de età parche la ciasa de paussa no l’è assa: e i velges i è Semper de più è malposui e auter amo’
Allora la jent. Vedara: vosse gran bone intenzione e gaissa e vadarete che la ve premiara’
El temp l:è a vos favor
Ge fae El tifo per vos
De auter posse far pec

Reply
otto lorenz 31 Agosto 2020

Par cont mie prum de dut – apede fenir l conleament ta Ciampedel (parauter l patron de l camping no à ntenù che l’è un valor aer na ciclabile nlongia jù la strutura, no duc à nterveider …) – besegnassa ndrezar na seconda ciclabile, da la via da Veis, olachè ades ven deretorn da la Val jù la Marcialonga. Doventassa un “plus” che demò Fassa aessa….

Par secondo, besegnassa – a chest pont, fenir, con l conlear le strade forestali che è jò – na ciclabile par le bici da mont e E-bike a mesa costa, anter l fon de Val e le Mont. I viai è jò, basta i meter a post e far le “rampe” par poder ruar sun chesta sort de ciclabile da vigni pais de la Val.
Peisse a la strada veia che va forin mont de Vich, la rua jà Medil, la passa via stradon e l fon de Val, la va su l Toai de Mez, l Troi de l Buro, i Ronc, la passa forin Sort, sora Soraga auta, la rua vin Aloch, la va ite nscin ta Capitel, la ven fora deretorn sora ite Pera, la passa ntorn Col de i Pigui, dapodò Ciampestrin, Ischia, Cercenà, su per Sorapera, Penia, Doleda, l Troi di Ladins nscin Pian Frataces, la Val de Antermot, Pian, Fraine, Crousc, Mazin, Muncion, Soal, Sorapera, Stont, Sant’Uiana, Valongia e coscita fossa fenì l “cerchie”…. Sessaben la è da studiar fora, ma le strade forestale la maor part è jò….. Basta mingol – desche che è dit – de nterveider…….e voler far………….

Reply
otto lorenz 31 Agosto 2020

Fenesce chel che è scrit te l prum coment.
Fossa segur bel ruar con la ciclabile nscin a l Lach de Caldar, ma no l’è de nteress de l turism de la Val de Fascia. Fosc jissa ben a i Trentins e/o Busanins ma no a i ghesc che ven te Val, che co la ciclabile che rua nscin a Molina i n à più che assà.
Nosautres cognon vardar a chel che carenea par noi; par modo de dir, no è amò sentù – te carant egn – una uta soula un aministrator che l die che l trafic che sofoa la Val no l ven jù dal ciel, ma da la Val de Fiem ite; te chest contest besegna far a na vida che l ghest che stasc te Fascia (ma ence nosautres che te Fascia vivon dut l’an..) sie “privilegià” nvers a chi che te Fascia no stasc e ven demò a la ntessear, magari par un “mordi e fuggi” de na dì.
L “Panoramapass” nscin l’an passà l parvedea n prezzo nmior a l ghest che stajea te Fascia, chest an no più: l’è na roba sbagliada. A Ischgl, olachè son jit la pruma uta a chiò trent egn dant che duta Fascia vae n “pelegrinage”, l’era belapontin doi tornelli par jir su i impianc: un par chi che vegnia da fora (e che spetaa) e un par i VIP – i ghesc che stajea te Ischgl – che podea passar dant….Chi da fora, l medemo skipass i lo paa de più, chi che stajea te un hotel/pension/ cartier a Ischgl paa demanco. Un piciol ejempie par dir che besegnassa dalbon (e par cont mie l met l’è) vardar de far mever polito e sorì i ghesc che stasc te Fascia (e nosautres) e ndrezar de far viajar chi che ven te Fascia da fora con autres mezi che no sie l’auto privata.
Ma me sa che la “vision” no è amò madura, se peisse che se vel ndrezar un stabiliment par far peteon te mesa la Val, co l trafic de camion che chest comporta.
Te na Val che vif demò de turismo no l’è dessegur de no n bel “biliet da visita”….
Nesc aministratores fosc a debesen de jir mingol ntorn e nparar chel che fasc chi che è nmiores che noi (e che anter l’auter no i à na Val sci bela che la noscia)…..
A n autra più bela.
Otto Lorenz de Bora

Reply
Antone Pollam 1 Settembre 2020

Son dacort sun dut 👍

Reply
Add Your Reply

Leave a Comment: